logo scaialbengo
chiamaci al 340 8937839
04
MAG
2018

L’uso del cibo con il cavallo

Posted By :
Comments : 0

Perchè bisogna essere molto consapevoli prima di usare del cibo per connettersi con i cavalli:
E’ meraviglioso come i cavalli siano in grado di entrare in contatto con gli esseri umani e come li sentono collegati a loro.

luce

I cavalli non hanno alcuna necessità di premi per sentirsi amati, si connettono con l’uomo se lo sentono consapevole e presente.                       Il cibo invece può essere usato come motivazione durante l’addestramento, in quanto è un’attività innaturale e possono aver bisogno di una motivazione. Ma dipende sempre da contesto e dal tipo di cavallo.            Come priorità per il cavallo il cibo non è al primo posto, segue la sicurezza, il comfort e la relazione. quindi solo quando queste saranno presenti al cavallo interesserà veramente il cibo.                                                                            In ogni caso la nostra presenza, il nostro equilibrio psico-fisico e le nostre capacità di interpretare e comunicare sono alla base.          Il mal utilizzo del cibo può portare ad una relazione illusoria, e per spiegarlo meglio riporto una parte di un articolo scritto da una famosa addestratrice belga. Il paragone viene fatto con il rapporto fra una mamma e il suo bambino. questo rapporto è naturale se la madre è amorevole perché il figlio si sente al sicuro. Ma cosa succede se la   lei inizia a premiare il bambino per questo? il bambino abbraccerebbe la madre perché vuole la caramella e la madre porterà sempre delle caramelle con se, pronta a darle a figlio se la abbraccia. Quindi il valore dell’abbraccio perderà valore, sostituito dalla ricompensa, e i due non saranno più connessi.
Ma per quanto riguarda i cavalli?                                                                                                                                                          In una società come la nostra non notiamo che la natura resta sempre coerente e neutrale, e quindi raccogliamo quello che seminiamo                                                                                                                                                                              Se premiamo un cavallo con un pezzo di carota ogni volta che viene da noi, dopo un po’ verrà da voi ogni vola vi vedrà. .E in modi diversi, in base al tipo di carattere, vi chiederanno la ricompensa. Questa richiesta è composta da invadenza o piccoli gesti quasi invisibili, ma comunque con un messaggio triste racchiuso in se, che non potranno sfuggire a chi sa cos’è la vera connessione.                                                                                                                                          Per capire se è una vera relazione basta smettere di premiarli quando vengono da voi. Noteremo che nel giro di pochi giorni smetteranno di venire, continueranno invece se oltre al cibo la relazione era stata curata giocandoci, confrontandoci quindi dal tempo passato insieme, rendendosi interessanti e stuzzicanti per alcuni e rassicuranti per  altri.
purtroppo in questa società che ci cresce maestri e schiavi delle vie brevi e delle illusioni, non notiamo che la natura resta sempre coerente e neutrale, ciò significa che raccogliamo sempre quello che seminiamo.