logo scaialbengo
chiamaci al 340 8937839
04
MAG
2018

Parola d’ordine: curare la relazione

Posted By :
Comments : 0

Curare la relazione:
“prenditi cura della tua horsemanship e lei si prenderà cura di te…”

Stai mettendo la relazione al primo posto solo quando connessione e fiducia contano più dell’obbiettivo stesso. Per esempio, vuoi caricare il tuo cavallo sul trailer e non ci sale? Semplice, ha poca fiducia di te come guida, e se lo spingi ancora di più a salire lo convinci ancora di più delle tue incapacità come leader e la fiducia si deteriorerà ulteriormente.
“Non ci sarà cavallo che risponderà no ma solo un uomo che ha fatto la domanda sbagliata o ha sbagliato la domanda in quel momento”.
(Ray Hunt)

L’obbiettivo è far si che sia lui ad offrirsi di farlo, conservando la sua dignità e la curiosità verso di noi e verso le proposte, e per far ciò devi lasciargli il tempo di pensare e di essere emotivamente e mentalmente pronto. Ovviamente non aspettatevi di riuscire al primo tentativo. Serve tempo per costruire in savvy, infatti Pat Parelli dice “prendete il tempo che ci vuole e ci vorrà meno tempo”. Bisogna capire con che tipo di cavallo abbiamo a che fare, e agire di conseguenza, e per riuscire in questo è necessario stare con i cavalli e studiare (leggere libri, guardare video, frequentare persone competenti, corsi, ecc…).                                                                                                                                                                              Il tempo è importante… ma avete mai visto una casa che in dieci anni si è costruita da sola?

Piccole accorgimenti, tecniche e strategie che faranno una grande differavvicinamento al trailerenza:

  • In paddock; Quando andiamo a prenderlo in paddock dobbiamo attendere che il cavallo rivolga anche solo due passi nella nostra direzione invece che andarlo a catturare. Il cavallo attuerà il secondo comportamento per vari motivi, mancanza di fiducia, di motivazione, di desiderio di stare con noi. Per farvi capire meglio, se viene in contro è probabile che abbiate curato la vostra relazione chiedendo poco e premiando spesso, anche se vi aspettavate tanto, al contrario è probabile che abbiate chiesto fino a che il cavallo si arrendesse a fare ciò che volevate e per quante volte volevate.                                                                                                                                       (Potrete notare quanto voglia stare con voi dall’impegno con cui metterà il suo naso nella capezza)        
  • Quando non è pronto; Difronte ad una nuova esperienza o ad una giornata in cui è più timoroso non spingerlo/costringerlo ma rammentiamoci della sua fiducia e della sua dignità. Probabilmente in quel momento sono carenti di fiducia in sé, negli oggetti o nella nostra leadership.                                                                                                     (Se non riuscite fargli fare una cosa la cosa peggiore è spingerlo, provate invece a fermarvi e farlo pensare).

ci siamo quasi

 

 

 

 

 

 

 

 

Se ha paura->Stabilire calma;                                                                                                                                                                                         Ritirarsi e mostrarsi leader sicuri e premurosi.                                                                                                                                 Rispettare i suoi tempi.

Ottenere fiducia-> Non spingerlo oltre le sue soglie;
Responsabilizzalo facendogli prendere delle scelte, attivando così il suo cervello;                                                                    Non ingannarlo;                                                                                                                                                                                       Essere costanti e coerenti sempre.

Ottenere connessione->Non sentirsi frustrati, ma essere sereni qualsiasi cosa accada;                                                                                                       Non essere prevedibili e ripetitivi, mantenere la sua motivazione.

Ottenere connessione fisica-> Aiutatelo ad usare la sua energia canalizzandola con vari
esercizi e con progressione.


Questo è un riassunto di ciò che ho capito nel mio viaggio nell’equitazione naturale, spero vi sia utile, per migliorare la vostra visione del cavallo, il vostro approccio e di conseguenza la vostra relazione.

 

Daniele Scaialbengo equitazione naturale.